giovedì 17 dicembre 2015

WILD FISHING SHOP.com



Dopo tanti anni di viaggi di pesca in molte tra le più belle destinazioni tropicali del mondo dalle Maldive, Yemen, Oman, Sri Lanka, Panama, Kenya, Sudan, Fiji, Papua, Indonesia, Belize, Cuba ecc ecc WFA Travel diventa anche Shop mettendo a disposizione a tutti gli appassionati di viaggi di pesca i migliori prodotti per la pesca tropicale.

WILD FISHING SHOP

Quante volte in questi anni ci è capitato di trovare Anglers non sempre preparati dal punto di vista dell'attrezzatura?

Anche con le canne rotte si può comunque lanciare e prendere


Questo accade spesso e  purtroppo non è sempre colpa del pescatore ma molte volte il problema va ricercato nelle aziende produttrici, importatrici e nei negozianti che non avendo mai provato questa pesca non sono in grado di valutare la reale qualità dei prodotti.....Pesante affermazione ma è così poi chi ci rimette è sempre la barriera corallina.......
Il mio rispetto va a tutti quei negozianti e operatori del settore che queste esperienze le hanno provate sul campo personalmente..... almeno sanno cosa dicono, non per il passaparola ma perchè hanno toccato con mano.


Un GT di 40 + kg purtroppo trovato a galla morto causa ardiglioni sulle ancorette dopo aver strappato sul reef


Quante volte mi sono sentito dire: "queste ancorette sarà impossibile aprirle, queste canne sono indistruttibili, questo mulinello ci hanno tirato tonni da 200 kg" e poi tutti questi discorsi cadono come un castello di carta di fronte al primo contatto con la dura realtà tropicale.
Ps: questo accade non tanto per colpa dei pesci ma per colpa del pescatore e della brutalità dell'azione di pesca.

Dumbel pop tanto economico quanto inadatto, Owner ST 66 toy hooks


Lavoro nel mondo della pesca (tropicale) da diversi anni ormai abbastanza assiduamente, e come dico sempre ai ragazzi che partono con la mia organizzazione, che nel mio piccolo non credo di sapere nulla di spinning alla spigola, eging, spinning al tonno, traina con le seppie, drifting, bass fishing, pike fishing........ ma quando dico una cosa sul mio mondo, sul mio lavoro non è per sentito dire ma è perchè credo di poter dire quello che credo..... non lo faccio per presunzione, lo faccio per permettere a tutti gli appassionati tropicalisti di entrare preparati mentalmente in questa dimensione, lo faccio perchè vorrei formare dei pescatori responsabili e autosufficienti, che un giorno possano contraddirmi e perchè no; insegnarmi cose che mi sono sfuggite in passato.
La pesca tropicale si è evoluta moltissimo da quando si passava con i barconi lungo i reef a lanciare i surface bull gt e i ranger nell'onda....

Un bel GT combattuto con attrezzatura dimensionata.

Ricordiamoci che il bello di questa pesca non è prendere il pesce più grande e cattivo, ma è sapere come prenderlo dove prenderlo e perchè prenderlo, poi se è grande e ci spacca la schiena meglio ancora...


Non sempre la piatta vuol dire cappotto


La lettura dell'acqua al tropico è tutto: correnti di maree, oceaniche, conformazioni coralline, secche, drifitng, artificiali giusti per quella cisrcostanza ecc ecc il tropico funziona così ovunque, almeno nei posti dove io ho potuto sbatterci la testa e la mia esperienza.
Ho avuto il piacere di aprire nuove destinazioni e di pescare dove nessun altro aveva mai lanciato, dove altri hanno trovato felicità per le catture fatte nei posti aperti dalla mia organizzazione.

la mia felicità + la sua

Non esiste l'artificiale migliore in assoluto, esiste però quello giusto per quella circostanza di acqua che ci troviamo davanti, il bello e il difficile è capire qual'è......

Un collage delle nostre catture 2012 2013


Se c'è una cosa che ho capito in tutti questi giorni in tutti questi anni è che, nella pesca tropicale, non esistono compromessi non esiste prodotto cinese, giapponese, italiano esiste solo il prodotto testato che funziona e quello non testato che funziona per sentito dire, da chi poi non si sa.....

I vecchi mulinelli DAIWA erano una merda!

In questo modo speriamo che da ora in poi tutti i partecipanti e gli appassionati di questo settore possano trovare il meglio per arrivare preparati alla sfida tropicale...... come dire speriamo di non vedere più attrezzatura approssimativa che danneggia sia i pesci che il pescatore.

Un' operazione del sottoscritto per liberare il GT da un popper piccolo appena ingoiato, il pesce per poco non moriva.


Non avendo nei nostri mari la possibilità di praticare questo sport, la tecnica del popping estremo non è molto conosciuta, come gli abitanti dei mari tropicali non hanno mai visto la neve, noi non abbiamo la fortuna di incontrare pesci come Gt nelle nostre acque.


GT con amo singolo in coda e ancoretta fasulla per bilanciarlo


In questi ultimi anni molti appassionati di spinning si sono dedicati al al tonno rosso, la cosa mi sta, dal punto di vista di skipper e guida tropicale, aiutando e danneggiando allo stesso tempo.
Perchè è è vero il rosso è il pesce che tira di più ma vine pescato, tolto intorno alle piattaforme, in acqua libera e può correre quasi al'infinito, ma su una barriera corallina se un pesce corre troppo vuol dire che è perso, con relativo orecchino da 150 gr in gola......
Questo discorso grazie a dio non vale per tutti, è ultimamente qualcuno sta cominciando ad alzare il pe sia di canne che di treccia....... bravi avete la mia stima.

Prime esperienze di spinning al tonno a Panama


Ricordiamoci che il vero sportivo, se sportivo si può definire un uomo che setta in bocca a dei pesci degli ami da 20+ gr, non è il pescatore che pesca sottodimensionato ma il pescatore che non perde tempo e tira il pesce il più velocemente possibile per danneggiarlo il meno possibile.

Sportivo con una Carpenter pe 10 12


BASTA anocrette burro, ami che si spuntano, trecciati che si sfibrano , canne che esplodono, popper che non popperano, stick che non lavorano, mulinelli che si ingrippano, frizioni che non stringono e pescatori che non salpano i pesci.......

Komodo popper bella cagata!


Molte di queste cose che ho scritto a qualcuno non saranno piaciute ma in questo momento della mia vita professionale è esattamente quello che mi dice la mia conoscenza......... l' esperienza è la basa della conoscenza.

Personal best in Laccadives


Chi viene a pesca con me impara molto più velocemente di come non imparai io in passato,  ed ultimamente c’è anche qualcuno che mi da delle sonore lezioni, faccio comunque tesoro e metto in cassaforte.


Il primo 50 non si scorda mai.

Un Saluto a tutti Vincenzo e scusatemi lo sfogo ma dopo 10 anni diventato un po più vecchietto me lo posso permettere.



Allora ecco perchè ho aperto uno Shop on-line WILD FISHING SHOP


Nessun commento:

Posta un commento